MOLECULAR AND INDUSTRIAL BIOTECHNOLOGY

Academyc Year 2020/2021
Second cycle degree in MOLECULAR AND INDUSTRIAL BIOTECHNOLOGY

LM-8 - Industrial Biotechnologies
Place of teaching: Varese - Università degli Studi dell'Insubria
Coordinator - President: MOLLA GIANLUCA

funzione in un contesto di lavoro:
competenze associate alla funzione:
sbocchi professionali:

Il corso prepara alla professione di (codifiche ISTAT): testo - inglese: 
  • Biologi e professioni assimilate - 2.3.1.1.1
  • Biochimici - 2.3.1.1.2
  • Biotecnologi - 2.3.1.1.4
  • Microbiologi - 2.3.1.2.2
  • Ricercatori e tecnici laureati nelle scienze biologiche - 2.6.2.2.1
Making Judgements: 

Within the courses we emphasize the development of bibliographic research capacity, use of databases (both collection and analysis) use of bioinformatics programs as well as the understanding, discussion and presentation of scientific texts and articles. Laboratory work within the courses, and especially the development of the thesis project (design, implementation, analysis of results) and writing the final report are essential steps to better develop and render autonomous the capabilities for critical evaluation of experimental data and their interpretation.
The graduate acquires, through the instruments mentioned above, the ability to integrate knowledge learned in different areas, to apply them to new situations and issues and to formulate interdisciplinary and independent judgments in relation to the design, conduct and outcomes of research projects, the use of instrumentation and interaction with technical personnel, as well as in relation to social and ethical issues related to biotechnology.
In particular, the graduate Molecular and Industrial Biotechnology:
- Will know how to choose the experimental procedures and instrumental techniques most appropriate for the production, isolation and determination of the structural and functional biomolecules of interest;
- Will be able to evaluate the cost-effectiveness and environmental impact in the design, planning and implementation processes for the production of biotech derived products;
- Will be able to analyse problems and choose the most effective methodological approaches to the optimal resolution of the same in the context of biotechnology research, in particular during the thesis phase.
The verification of acquisition of independence of judgment is made at several points along the course work and exams, as well as at the end of the training during the experience of experimental activity the presentation and discussion of the thesis.

Communication skills: 

The graduates acquire the ability to communicate information, ideas, problems and solutions related to the diverse and multidisciplinary areas of biotechnology (from the pharmaceutical and green chemical to the agro-alimentary and zootechnical, from environmental decontamination to the use of renewable energies) to specialists and non-specialists. This will come about during reports on seminars, through the presentation of scientific articles (Journal Club) and progress reports to explain, discuss and transfer developments in the course of the thesis. English courses and scientific communications in English provide an essential tool to enable graduates of Molecular and Industrial Biotechnology to communicate internationally. The study trips and meetings with experts allow students during their training to confront different problems. Orientation activities organized by the Course Council, such as participation in conferences and biotechnology industry associations will provide real opportunities for student interaction with the scientific, regulatory and production in different areas of biotechnology. The laboratory activities necessary for the preparation of the final report includes the ability to interact with staff and technical personnel, with different skills and training.

Learning skills: 

Graduates in Molecular and Industrial Biotechnology will be able to study and constant update their knowledge at the scientific and professional level even after obtaining the Master's Degree. Examples include the consultation of specialized databases, the learning of innovative technologies, the acquisition of advanced tools for a permanent updating. Graduate students will possess the habit of remaining updated about regulations, economic and ethical issues. The learning skills of graduate students will also allow them to access to additional levels of education (master, PhD programs) and to develop and organize individual self-learning and permanent professional training in the different sectors that require biotechnological approaches. The acquired knowledge will provide the ability to solve problems in a wider multidisciplinary context.
The learning outcomes of the student will be assessed by final exams and/or by the production of reports about that the knowledge and experimental activity and enriched by bibliographic references, database searches and group discussions (e.g., between students and/or with experts from various biotechnological sectors and/or from other economic areas). Interviews will be organized, in collaboration with the University Placement office, with experts from outside the University, to evaluate the ability of the students in problem solving using a multidisciplinary approach. The final the tool to evaluate of the learning outcomes of the students will be the ability in the analysis, reporting, presenting, and discussing the project developed during the final thesis stage.

Lo svolgimento delle attività di laboratorio per la stesura della tesi di laurea rappresenta lo strumento per l'acquisizione di abilità tecniche e manuali come pure, nella fase di progettazione delle attività, costituisce l'occasione per sviluppare capacità di pianificazione del disegno sperimentale e, nella fase di elaborazione ed analisi dei risultati, per l'acquisizione di competenze matematiche ed informatiche specifiche.
Le attività formative relative alla preparazione della prova finale per il conseguimento del titolo e la relativa verifica consistono nella preparazione e discussione di un elaborato frutto di lavoro sperimentale della durata non inferiore ai nove mesi compiuto presso una struttura universitaria o esterna, purché riconosciuta ed accettata a tal fine dall'organo di gestione, secondo le modalità stabilite nel Regolamento. Il Corso di Laurea ha stipulato delle convenzioni con aziende, fondazioni, enti pubblici esterni all'Ateneo dove gli studenti possono svolgere il loro periodo di lavoro sperimentale biotecnologico. In ogni caso, la scelta del Laboratorio e del progetto di tesi è soggetta ad approvazione del Consiglio di Corso, che valuta anche l'attinenza scientifica e la natura biotecnologia del lavoro che lo studente prevede di svolgere. Allo studente viene assegnato un relatore che deve essere un Docente del Corso di Laurea.
La prova finale consiste nella presentazione pubblica (circa 20 minuti) e discussione, davanti ad una commissione apposita di docenti del corso di laurea, di una relazione scritta (tesi) preparata dallo studente e relativa all'attività di ricerca svolta. La tesi dovrà essere organizzata secondo le modalità di un classico articolo scientifico, e pertanto in Introduzione, Materiale e Metodi, Risultati, Discussione/Conclusioni e Bibliografia e potrà essere redatta anche in una lingua inglese.
Prima della seduta di laurea la tesi viene assegnata ad un controrelatore, scelto tra i docenti che parteciperanno alla commissione e che sia esperto delle tematiche trattate. Compito del controrelatore è quello di leggere in maniera attenta e critica la tesi e di aprire la discussione durante la seduta di laurea. La valutazione avviene in sede di presentazione/discussione della tesi e tiene conto: -della capacità dello studente di presentare i propri risultati e di rispondere in maniera appropriata e critica alle domande poste dalla commissione, - del giudizio del relatore sull'impegno, l'autonomia di giudizio e la capacità di lavoro indipendente dello studente durante il periodo di laboratorio e la stesura della tesi,- del giudizio del controrelatore sulla qualità della relazione presentata. Il voto di laurea è determinato dalla media ponderata dei voti conseguiti nei singoli esami di profitto riportata in centodecimi a cui sia va ad aggiungere il punteggio compreso da 0 a 10 punti dato dalla commissione, di cui: tra 2 a 4 punti per la presentazione orale e la capacità di rispondere alle domande, sino a 3 punti per il giudizio del relatore sull'attività sperimentale e sino a 3 punti per la qualità dell'elaborato scritto. In caso di raggiungimento del 110/110 il Presidente della Commissione può proporre l'assegnazione della Lode, anche tenendo conto del numero di lodi ottenute dallo studente nel percorso di studi; tale proposta deve essere approvata dalla Commissione all'unanimità. I CFU attribuiti alla prova finale sono 34.